homepage eventi mostre esposizioni e fiere feste sagre festival concerti
  carnevale visite guidate eventi sportivi Gastronomia teatro cinema eventi Convegni
eventi
mostre

esposizioni & fiere

feste
sagre
festival
concerti
carnevale
eventi sportivi
teatro
Convegni
Convegni
Gastronomia
visite guidate
cinema eventi
 
 
 

Freedom supermarket

Milano
21/03/2012 - 27/04/2012

CARLOTTA TESTORI STUDIO di Milano (via Olmetto 17) ospita, dal 21 marzo al 27 aprile 2012, il nuovo progetto site specific di Pietro Ruffo (Roma, 1978), dal titolo Freedom supermarket. Il lavoro, appositamente pensato e realizzato per gli spazi della galleria milanese, cui si affianca una serie di opere recenti, è costituito da una grande teca contenente un'elaborata mappa del mondo in lingua araba. La superficie, composta da frammenti cartacei sostenuti da spilli, si sviluppa su vari livelli che compongono scritte e motivi geometrici inneggianti al tema della libertà. Proprio la libertà è la cifra tematica più caratteristica della ricerca dell?artista romano, come dimostrano le sue più recenti esposizioni (I sei traditori della libertà, Roma, Fondazione Pastificio Cerere, 2010; Negative Liberty, Venezia, Cafè Florian, in occasione della Biennale 2011; il progetto vincitore del New York Price, 2010, successivamente ripreso nella rassegna all?All - Russian Museum of Decorative Applied and Folk Art, Mosca, 2011; The political Gymnasium, Blain Southern, Londra, 2012). In questa opera, l?analisi di Ruffo si focalizza sulla libertà del mondo contemporaneo, diventata pura merce di scambio, come un prodotto da supermercato di cui ognuno si può servire a propria discrezione secondo le tradizioni e le logiche culturali di appartenenza, e la cui dimensione filosofica è relegata a un'idea sempre più soggettiva e la sua applicazione sempre più sfocata. L?interrogativo che Freedom supermarket pone al visitatore è se esista ancora una forma di libertà possibile. Il punto di osservazione di Ruffo sul mondo non è mai antropocentrico ma l'umanità viene inserita in un unico complesso organico in evoluzione in una sorta di transumanza multietnica. Ecco perché qualsiasi riferimento politico-religioso è assente. La constatazione definitiva del giovane artista romano è che l'urgenza di ripensare in senso etico alle trasformazioni in corso sul pianeta forse porterà l'umanità ad accettare la libertà come la più tollerabile delle schiavitù. In quest'ottica l'installazione di Ruffo a
sito Internet: http://www.carlottatestoristudio.com
postato da: Redazione Ok Italia
e-mail: info@carlottatestoristudio.com
 
 

Inserisci Evento

 © Ok-Italia
realizzazione Art Advertising

contatta la redazione

p.iva 00732490891
note legali